legiones auxilia
varia classis
armamentarium dona
signa temporum
urbis et loca res novae et studii
biblio
domusamicorum epistulaelectronica

DONA

MARCO CAELIO

La famosa e importantissima stele funebre di Marco Celio, pluridecorato primo centurione della Legio XVIII, originario di Bologna, di 53 anni e mezzo, caduto nell’imboscata della Selva di Teutoburgo dove vennero distrutte le legioni XVII, XVIII e XIX, al comando del governatore Publio Quintilio Varo.  La stele funebre, eretta dal fratello Publio Caelio, probabilmente anch’esso un legionario, Ť stata ritrovata ai Castra Vetera (Xanten - Germania).
Il centurione Ť raffigurato con le sue decorazioni: corona civica, torques, e phalerae.
Al centro della corona si intravede un medaglione, mentre torques e phalerae sono portate rispettivamente sulle scapole tramite una fascia passante dietro il collo, e sul petto tramite cinghie posizionate ad incrocio.
A destra e sinistra di Marcus Caelius risaltano i ritratti dei liberti Privatus e Thiaminus
M(arcus) Caelius M(arci) l(ibertus) Privatus //
M(arcus) Caelius M(arci) l(ibertus) Thiaminus //

M(arco) CAELIO T(iti) F(ilio) LEM(onia tribý) BON(onia)
[primo] O(rdini) LEG(ionis) XIIX ANN(orum) LIII S(emissis)
[OC]CIDIT BELLO VARIANO OSSA
[LIB(ertorum)I]NFERRE LICEBIT P(ublius) CAELIVS T(iti) F(ilius)
LEM(onia tribý) FRATER FECIT.


(Cortesia Rheinisches Landesmuseum - Bonn-D)




Marco
Caelio

Phalerae

Torques et Armillae

Dona
supra stelas

Dona
supra nummos

M. Cornelio
Nigrino