HISTORIA MILITARIS ROMAE    

WEILER (I-II sec. d.C.)

Questa denominazione/classificazione di elmi (dal nome di una località in Germania) comprende tutta una serie di elmi che si caratterizzano non tanto per la tipologia costruttiva quanto per le linee stilistiche esclusivamente personalizzate, in uso alla cavalleria. Questi elmi di difficile catalogazione standard, possono essere individuati e caratterizzati dalla particolarità di avere il coppo (spesso in un unico pezzo di ferro) riccamente decorato da righe e incisioni a imitazione della capigliatura, o da figure miologiche e religiose, o ancora con applicazioni e placcature metalliche probabilmente a raffigurare onorificenze e dona militari guadagnati dal possessore dell’elmo. Le paragnatidi risultano avvolgenti e a volte nella parte posteriore le stesse risultano conformate a imitazione delle orecchie; il paranuca risulta generalmente poco pronunciato.  Destinati alla cavalleria (e da molti autori classificati come Auxiliary Cavalry A), in questa tipologia rientrano sia elmi estremamente ricchi e complessi, che di fattura relativamente semplice. A molti di questo elmi è probabile che venissero associate le maschere in metallo che in alto numero sono state rinvenute nel mondo romano. E’ probabile che molti di questi elmi venissero utilizzati durante le parete o addestramenti sportivi (hippika gymnasia), e non in caso di combattimento.

Stele funebre di Titus Flavius Bassus dell’Ala Noricorum, turma di Fabus Pudens, raffigurato con un casco che riporta il disegno della capigliatura.
cassides weiler01s
(Römisch-Germanisches Museum – Köln-D)

Stele funebre di Annauso, dell’Ala II Flavia Gemina,
anch’esso raffigurato con un casco della cosiddetta tipologia Weiler.
cassides weiler02s
(Landesmuseum Mainz – Mainz-D)

Elmo di ferro ricoperto in argento (placcatura di mm 1), corona d’ulivo placcata oro con stucco di stabilizzazione; sulla fronte un medaglione riportante il busto di un imperatore della dinastia Iulio-Claudia, circondato da armi; altezza cm 19,3. Rinvenuto a Xanten (Germania). Databile al 40-50 d.C.
cassides weiler03s

cassides weiler04s (Landesmuseum Bonn - Bonn-D - Cortesia www.romancoins.info)

Elmo di ferro placcato in bronzo argento. Sul retro dell’elmo è rappresentata un’aquila ad ali spiegate, mentre la calotta è circondata da una corona d’alloro; le paragnatidi, con la consueta imitazione dell’orecchio, presentando decorazioni a borchia (scudo parma?) e a conchiglia. Le parti di protezioni delle orecchie sono applicate successivamente.
Databile alla seconda metà del II– inizio del III secolo d.C.
cassides weiler05s

cassides weiler06s

cassides weiler07s(Cortesia www.romanarmy.com)

Elmo di ferro che presenta la parte posteriore della calotta con la raffigurazione della capigliatura;
catalogato come elmo di cavalleria ausiliaria A3.
cassides weiler08s
(Cheshire Museums Northwich, Cheshire-GB - Cortesia www.romanarmy.com)

Possibile frammento di elmo di tipologia Weiler, raffigurante ricci di capelli e
una colonna; databile al I-II secolo d.C.. Larghezza cm 9,5.
cassides weiler22s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers - Munich-D)


Elmo di ferro con fascia frontale decorata, protezione delle orecchie e paranuca di bronzo. Sulla fascia frontale, a rilievo, una magnifica corona di foglie di quercia e forse anche di alloro (corona civica), con al centro un busto femminile, sotto alla quale compaiono delle casette incise e la scritta VANNI, probabilmente il proprietario dell’elmo; la paragnatide superstite presenta una scena equestre. Altezza cm 35, databile alla seconda metà del II secolo d.C.

cassides weiler09s

cassides weiler10s(Cortesia Rijksmuseum van Oudheden - Leiden-NL)

Catalogato come “cavalleria sport D” questo elmo di bronzo databile al II-III secolo d.C. rinvenuto a Xanten (Colonia Ulpia Traiana - Germania Inferior); sulle paragnatidi la raffigurazione delle orecchie, e su fronte del coppo il residuo di una cerniera, dove applicare una maschera metallica.

cassides weiler11s (Cortesia www.romanarmy.com)

Esemplare di ferro che probabilmente, in origine, era placcato in argento.
cassides weiler12s
(Cortesia National Museum of Scotland - Edinburgh–GB)

Esemplare di bronzo con decorazioni di corone sulla parte superiore del coppo e sulla fronte, quest’ultima è una corona d’alloro; un’altra corona sul retro del coppo. Le paragnatidi presentano le consuete orecchie e dei grifoni; protezione delle orecchie applicata con ribattini.
cassides weiler13s

Paragnatide di ferro con copertura di ottone e tracce di stagnatura.
cassides weiler14s
(Cortesia www.romancoins.info)

Paragnatide di bronzo con scena di caccia; altezza cm 17.
cassides weiler15s
(Cortesia www.romancoins.info)

Paragnatide di bronzo con decorazione a sbalzo di orecchio e figura di Marte; 
misura cm 16,5 x 13 e databile al I secolo d.C.
cassides weiler16s
(Cortesia Rijksmuseum van Oudheden - Leiden-NL)

Paraguancia in origine montata su un elmo probabilmente di tipologia Weiler, 
e che riporta un’aquila che stringe un serpente e l’orecchio. 
Proveniente dalla Germania meridionale e databile al II-III secolo d.C.; altezza cm 15,70.
cassides weiler19s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers – Munich-D)

Paragnatide frammentata che conserva, in parte, la figura di un busto loricato ed elmato.
cassides weiler20s
(Cortesia Aquincum Museum - Budapest-H)

Paragnatide con aquila dalla fortezza legionaria di Aquincum (Budapest-Ungheria); 
databile al II-III secolo d.C.
cassides weiler21s
(Cortesia Aquincum Museum - Budapest-H)

Frammenti di elmo,
cassides weiler17s
(Cortesia Limesmuseum Aalen - Aalen-D)

Parte della calotta di elmo; notare sulla destra il portapiume. 
Misura del reperto, cm 22x20.
cassides weiler18s
(Cortesia Limesmuseum Aalen - Aalen-D)


Copyright © 2005-2016. Estrela s.a.s. - All Rights Reserved.