HISTORIA MILITARIS ROMAE    

EQUORUM INSTRUMENTA

A differenza dei semplici ornamenti decorativi, altri elementi delle bardature e dell’equipaggiamento del cavallo, benché riccamente decorati, erano strumenti volti ad agevolare il governo dell’animale ed anche la sua protezione.

Particolare della stele funebre appartenente ad un cavaliere dell’Ala I Thracum dove sono chiaramente visibili le phalerae che accompagnavano i finimenti.
instrvmenta equorum instrumentum01s

Corazza per la fronte del cavallo, in bronzo, riporta la figura di un’aquila, un fulmine e
il ritratto dell’imperatore Gallieno (260-268 d.C.).
instrvmenta equorum instrumentum02s
(Cortesia Römisch-Germanisches Zentralmuseum - Mainz-D)

Magnifico reperto di corazza per il muso del cavallo: al centro la figura di Ercole e sopra e sotto rispettivamente un’aquila e un leone; sopra la figura di Ercole, la scritta ELI-VIRILIS. Ai lati della corazza centrale, incernierate ad essa, le protezioni laterali con busti di Minerva e Virtù e le protezioni per gli occhi; sotto una di queste la scritta PROVINCIALIS.
instrvmenta equorum instrumentum03s
(Prähistorische Staatssammlung München - München-D. - Dal volume “Römer-Zwische Alpen und Nordmeer”-Verlag Philipp Von Zabern)

Protezione di muso del cavallo, in cuoio, decorata, con alloggiamenti tondi per le “ceste” protettive degli occhi. Di seguito la riproduzione nella sua interezza.
Dal forte romano di Vindolanda (Gran Bretagna).
instrvmenta equorum instrumentum04s
instrvmenta equorum instrumentum05s
(Cortesia Vindolanda Roman Army Museum - Chesterholm-GB)

Sorta di cesta protettiva in bronzo per gli occhi del cavallo (I-II secolo d.C).
instrvmenta equorum instrumentum06s
(Cortesia Römisch-Germanisches Zentralmuseum - Mainz-D)
instrvmenta equorum instrumentum07s
instrvmenta equorum instrumentum08s
(Landesmuseum - Mainz-D. - Cortesia Silvano Mattesini)

Cesta protettiva databile al II-III secolo d.C.; dimensioni esterne cm 14 x 11.
instrvmenta equorum instrumentum45s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers - Munich-D)


Elementi del morso (frenum) e delle redini, dalla fortezza di Saalburg, sede di una
cohors equitata, seguiti da un disegno esplicativo della sistemazione del morso.
instrvmenta equorum instrumentum09s
instrvmenta equorum instrumentum10s
(Cortesia Römerkastell Saalburg-D)

Morso in ferro databile al I secolo a.C.-I secolo d.C.; lunghezza cm 21.
instrvmenta equorum instrumentum11s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers – Munich-D)

Morso e filetto da cavallo, in alcuni casi accompagnato da una sorta di museruola (psalion) che impediva che sfuggisse il morso dalla bocca dell'animale.
instrvmenta equorum instrumentum12s
instrvmenta equorum instrumentum13s
(Cortesia Römisch-Germanisches Zentralmuseum - Mainz-D)

Statuetta frammentata raffigurante un cavallo bardato con testiera.
instrvmenta equorum instrumentum42s
(Cortesia Museo Civico Archeologico Bologna-IT)

Esempi di "testiera" (capistrum), da posizionare sul muso del cavallo per il suo controllo, 
instrvmenta equorum instrumentum14s
instrvmenta equorum instrumentum15sinstrvmenta equorum instrumentum16s
(Cortesia Römerstadt Augusta Raurica - Augst-CH)
instrvmenta equorum instrumentum17s
(Cortesia Römisch-Germanisches Zentralmuseum - Mainz-D)

Reperti da Vindonissa (Brugg-Svizzera).
instrvmenta equorum instrumentum18s
(Cortesia Vindonissa Museum - Brugg-CH)

Reperti da Noviomagus Batavodurum (Nijmegen-Olanda).
instrvmenta equorum instrumentum19s
instrvmenta equorum instrumentum20s
(Cortesia www.romancoins.info)

Da Mogontiacum (Mainz - Germania)
instrvmenta equorum instrumentum21s
(Cortesia Römisch-Germanisches Zentralmuseum - Mainz-D)

Da Augusta Vindelicorum (Augsburg - Germania)
instrvmenta equorum instrumentum22s 1
(Cortesia Römisches Museum Augsburg-D)

Reperto databile al I-II secolo d.C.
instrvmenta equorum instrumentum43s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers - Munich-D)

Esemplare integro (lunghezza cm 19,5) e frammento, databili al I-II secolo d.C.
instrvmenta equorum instrumentum44s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers - Munich-D)

Morso ad anelli snodato; da Emona (Ljubljana-Slovenia) e databile al I-II secolo d.C.
instrvmenta equorum instrumentum41s
(Cortesia Mestni Muzej Ljubljana-SLO)

Phalerae-divisori di cinghie, prima metà del I secolo, bronzo con tracce d’argento, diametro 6,3 cm, provenienza Colchester (Inghilterra). La seconda, proveniente dai Balcani, ha un diametro di cm 6,2.
instrvmenta equorum instrumentum23s
instrvmenta equorum instrumentum24s
(Cortesia www.rom-museum.de)

Separatore delle cinghie (notare i ganci spezzati sul retro) con testa di leone.
instrvmenta equorum instrumentum25sinstrvmenta equorum instrumentum26s
(Collezione privata)

Separatore delle cinghie di bronzo con ricca lavorazione in argento.
instrvmenta equorum instrumentum27s
(Cortesia Römerstadt Augusta Raurica - Augst-CH)

Separatori per le cinghie di bronzo.
instrvmenta equorum instrumentum28s
(Cortesia Museum der Stadt - Worms-D)

Altre tipologie di dischi decorativi in bronzo per finimenti della cavalleria; l’esemplare di sinistra nella prima foto misura cm 3,8.
instrvmenta equorum instrumentum29s
(Cortesia www.rom-museum.de)
instrvmenta equorum instrumentum30s
instrvmenta equorum instrumentum31s
(Cortesia Römisch-Germanisches Zentralmuseum - Mainz-D)

Borchia per finimenti, a cui è appeso un pendente a forma di ferro di cavallo; proveniente da Budapest (Romania), altezza cm 17,3.
instrvmenta equorum instrumentum32s
(Aquincum Muzeum - Budapest-RO. Dal volume “Traiano-Ai confini dell’Impero”-Casa Editrice Electa)

Separatore delle cinghie con aquila centrale.
instrvmenta equorum instrumentum33s
(Cortesia Römisch-Germanisches Zentralmuseum - Mainz-D)

Placca decorata per raccordo delle cinghie, databile al I-III secolo d.C.; altezza cm 15.
instrvmenta equorum instrumentum34sinstrvmenta equorum instrumentum35s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers – Munich-D)

Magnifica fibbia di bronzo (cm 11 x 11,5) rinvenuta a Hontheim (Germania) per le cinghie; presenta l’ardiglione a lancia e i lati riproducenti due delfini e altri due piccoli pesci, affiancanti la testa di Oceano. Databile al II secolo d.C.
instrvmenta equorum instrumentum36s
(Rheinisches Landesmuseum - Bonn-D. Dal volume “Traiano-Ai confini dell’Impero”-Casa Editrice Electa)

Tra i numerosi elementi che contribuivano a completare la bardatura di un cavallo, vi erano dei fermagli che servivano per l’unione delle fibbie di cuoio con il separatore delle fibbie. Qui rappresentato un esemplare della lunghezza di cm 6,5 con un disegno comparativo del reperto di Windisch (Svizzera).
instrvmenta equorum instrumentum37s
(Cortesia www.rom-museum.de)

Dischi di bronzo per le cinghie; lunghezza del reperto cm 18;
databile al I-II secolo d.C.
instrvmenta equorum instrumentum38s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers – Munich-D)

Una particolare tipologia di cavalleria (a volte alleata delle truppe romane, e volte contrapposta), era costituita dalla cavalleria catafratta (catafractaria) i cui componenti e i loro cavalli, si distinguevano per la pesante lorica a squame.

Cavalieri Sarmati Roxoliani combattono contro la cavalleria romana. 
Dai rilievi della Colonna Traiana.
instrvmenta equorum instrumentum39s
(Cortesia Museo della Civiltà Romana - Roma)

Squame di ferro pertinenti all'armatura di un cavallo di cavalleria catafratta.
Dalla cittadina di Dura Europos (Tal al Hariri-Siria), III secolo d.C.
instrvmenta equorum instrumentum40s
(Cortesia e Copyright © - The Yale University Art Gallery-U.S.A.)

Copyright © 2005-2016. Estrela s.a.s. - All Rights Reserved.