HISTORIA MILITARIS ROMAE    

SICAE

Oltre all'usuale pugio con la tipica lama a rastrematura centrale, altre tipologie di pugnali e daghe (sicae o cultri) erano utilizzate dai militari; oggetti che ben si distinguevano dagli usuali pugiones per una lama di ferro, più dritta o a volte triangolare, per il pomo lungo e stretto (a volte una semplice piattina di metallo, a volte con lavorazioni ricercate) e per il fodero probabilmente di cuoio o legno. Queste daghe e coltelli dai molteplici usi, possono in alcuni casi identificarsi con il culter venatorius (coltello da caccia).
Vari i reperti rinvenuti in contesti archeologici militari.

Daga che conserva lo scheletro metallico del fodero, la cui struttura era presumibilmente in cuoio o legno. Dal forte militare di Aalen (Germania).
pvgiones sicae01s
(Cortesia Limesmuseum Aalen - Aalen-D)

Daga con lama ad un solo filo; databile al II secolo d.C.
pvgiones sicae02s
(Cortesia Aquincum Museum - Budapest-H)

Pugnale con pomo lavorato; databile al II-III secolo d.C.
Notare il rinforzo metallico di bronzo applicato alla parte superiore della lama.
pvgiones sicae03s
(Cortesia Magyar Nemzeti Múzeum – Budapest-H)

Pugnale dal forte militare di Vindolanda (Gran Bretagna).
pvgiones sicae04s
(Cortesia Vindolanda Roman Army Museum - Chesterholm-GB)

Coltello militare databile al III secolo d.C.
pvgiones sicae05s
(Cortesia Römerstadt Augusta Raurica - Augst-CH)

Supporti di bronzo, traforati, da applicare sui foderi (di legno o cuoio) di alcune tipologie
di daghe o pugnali.
Di seguito la restituzione grafica dell'utilizzo.
pvgiones sicae06spvgiones sicae07s
(Cortesia Römerkastell Saalburg-D)

Altri terminali di bronzo traforati, appartenenti alle decorazioni dei foderi.
pvgiones sicae08s
(Cortesia Museum der Pfalz - Speyer-D)

pvgiones sicae09s
(Cortesia Limesmuseum Aalen - Aalen-D)

Frammento della parte superiore di un fodero da coltello o daga: lavorato a traforatura,
presenta la scritta AQVIS HE(LVETICAE) tra due pelte; agli angoli i quattro fori di fissaggio.
Lunghezza cm 8, databile al I-II secolo d.C.
pvgiones sicae10s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers – Munich-D)

Reperto praticamente identico al precedente, questa struttura metallica del fodero di una daga, riporta oltre alla scritta AQVIS HE(LVETICAE), attuale città di Baden in Svizzera, anche il nome GEMELLIANUS, probabilmente il produttore di questi foderi.
pvgiones sicae11s
(Cortesia Vindonissa Museum - Brugg-CH)

Puntali di metallo per foderi di coltelli o daghe.
pvgiones sicae12s
(Cortesia Museo Archeologico Nazionale di Aquileia-IT Su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali)

Copyright © 2005-2016. Estrela s.a.s. - All Rights Reserved.