HISTORIA MILITARIS ROMAE    

BRACAE

Indumento mutuato dalle popolazioni del centro e nord Europa, le bracae (o anche feminalia) erano considerate indumenti inadatti all'abbigliamento romano, in quanto capo di abbigliamento barbarico (Tacito, Historiae, II, 20); ciò non toglie che nell'esercito se ne facesse largo uso, fin dalla conquista delle Gallie, a causa dei climi rigidi che man mano i soldati di Roma incontravano durante le loro conquiste.
Dai pochi dati iconografici in nostro possesso,  pantaloni in questione erano lunghi fino al polpaccio e verosimilmente potevano essere sia di cuoio che di lana o feltro.
Nel tardo impero i pantaloni pare si arricchiscano della parte per proteggere tutta la gamba, ma anche il piede, creando così un unico indumento.

Particolari dalla Colonna Traiana, dove sono raffigurati degli ausiliari abbigliati con bracae; benché fosse un capo di abbigliamento ovviamente utilizzato dalla maggioranza dei soldati, sul monumento traianeo non compaiono legionari con pantaloni, forse a rimarcare l'origine non romana di questo capo di abbigliamento. Motivo in più per non dimenticare il carattere propagandistico della Colonna Traiana.
vestitvs bracae01s
vestitvs bracae02s
vestitvs bracae03s
(Cortesia Museo della Civiltà Romana - Roma)

Restituzione grafica di un paio di bracae di cuoio, databili al II-III secolo d.C.
e rinvenuto a Valkenburg (Olanda).
vestitvs bracae04s

Particolari di mosaici della Villa del Casale a Piazza Armerina (Enna), che raffigura dei soldati con pantaloni che paiono essere un indumento unico con le calze, a coprire anche il piede.
vestitvs bracae05s
vestitvs bracae06s
vestitvs bracae07s


Copyright © 2005-2016. Estrela s.a.s. - All Rights Reserved.