HISTORIA MILITARIS ROMAE    

UDONES

Le calze in epoca romana avevano sicuramente un utilizzo ben maggiore di quanto si creda comunemente,  anche se rari sono i reperti giunti fino a noi, per gli ovvi motivi di deterioramento del materiale.

Frammento di statua bronzea raffigurante un piede di un cavaliere, con caligae
sperone e calzino (udones), probabilmente in lana stando all'eccezionale resa plastica della tramatura. La particolarità della calza riprodotta, sta nel fatto che alcune dita del piede risultano scoperte.
vestitvs udones1s
vestitvs udones7s
(Cortesia e Copyright Museo Civico Archeologico Bologna-IT)

Particolare di un frammento di statua equestre databile al I-II secolo d.C.,
in cui il piede indossa una calza.

vestitvs udones6s
(Cortesia Museo delle Antichità - Torino-IT)

Ovviamente i pochi reperti giunti fino a noi non necessariamente sono da soldato, ma ci fanno comprendere, per quanto in maniera molto lacunosa e parziale, alcune tipologie delle calze in uso nel mondo romano.

Calza di lana rossa lavorata a maglia; da Antinopolis (El Sheikh Ibada-Egitto), III-V secolo d.C.
La calza presenta la divisione tra alluce e le altre dita, per essere portata con i sandali tipo "infradito".
Lunghezza cm 24, larghezza cm 9, altezza cm 11,5.
vestitvs udones2s
(© The Trustees of The British Museum)

Calza di lana marrone; da Antinopolis (El Sheikh Ibada-Egitto), databile al 100-350 d.C.
Conformata con separazione dell'alluce, altezza cm 6,8, larghezza cm 8, lunghezza cm 17,5.
vestitvs udones3s
(© The Trustees of The British Museum)

Calza multicolore da Antinopolis (El Sheikh Ibada-Egitto), III-IV secolo d.C.
Conformata con separazione dell'alluce, altezza cm 5,5, larghezza cm 6,4, lunghezza cm 12,5;
da bambino.
vestitvs udones4s
(© The Trustees of The British Museum)

Calza da bambino, in lana marrone, dal forte militare di Vindolanda (Chesterholm-Inghilterra).
vestitvs udones5s
(Cortesia Vindolanda Roman Army Museum - Chesterholm-GB)

Un paio di caligae rinvenute associate ad un particolare tipo di calzino in pelle (uno ancora all'nterno della calzatura, uno fuori), nel relitto della nave romana di Comacchio (Ferrara); trattavasi di copricalze atte a non bagnare le calze vere e proprie quando si era imbarcati.
vestitvs udones8s
(Cortesia Museo del carico della nave romana - Comacchio-IT)


Copyright © 2005-2016. Estrela s.a.s. - All Rights Reserved.