HISTORIA MILITARIS ROMAE    

SIGNA – IMAGINIS

Al pari di molti altri aspetti della vita antica e degli oggetti utilizzati, anche in questo caso dobbiamo affidarci alle steli funebri ed ai rilievi lapidei e fittili.
Numerosi gli esempi tramandatici, di cui riportiamo alcuni significativi esempi.

Tre vessilli affiancati; quello centrale è sormontato da un'aquila ad ali chiuse, mentre gli altri due sono sormontati da una mano e al di sotto presentano una sfera (una phalera?). Tutte e tre le insegne presentano la corona dall'alloro sotto il vessillo e la maniglia per sorreggere l'asta. Questa raffigurazione è parte del cosiddetto "sarcofago di p.za Matteotti", custodito presso il Museo Lapidario Estense di Modena. Dalla parte opposta del sarcofago, un'aquila che stringe le saette tra gli artigli.
signa supra stelas01
signa supra stelas02signa supra stelas03
(Cortesia Museo Lapidario Estense-Modena-IT. Su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali)

Parte di un rilievo lapideo dove sono ancora visibili le parti terminali di tre aste di insegne militari, con phalerae, mezzaluna e frange, accompagnate da due schinieri. Databile all'età augustea.
signa supra stelas04
(Cortesia Civiche Raccolte Archeologiche e Numismatiche di Milano-IT)

Due rilievi lapidei, praticamente identici, raffiguranti tre stendardi con aquila e mani, pluridecorati con coronae, phalerae (dona militari?), lune crescenti, rostro di nave e frange (?); nella parte terminale, sopra il puntale, sono raffigurate le punte a "L"
per tenere in piedi le insegne quando appoggiate sul terreno.
I due rilievi facevano parte di un cippo funerario; databili al III secolo d.C.
signa supra stelas05ssigna supra stelas25s
(Cortesia Chiesa di San Marcello in Corso - Roma-IT)

Epigrafe (copia) dedicata a M. Pompeio Aspro, pluridecorato centurione della Legio XV Apollinares e già centurione della Cohors III Praetoria, della Legio III Cyrenaica e praefecto castrorum della Legio XX Valeria Victrix. Al centro un'aquila, ai lati stendardi decorati di varie simbologie (aquile, falere, corone), tra cui lo scorpione, simbolo delle coorti pretoriane.
signa supra stelas06
(Cortesia Museo della Civiltà Romana - Roma-IT)

Ara sepolcrale di Quintus Sulpicius Celsus, prefetto del genio militare e della Cohors VII Lusitanorum;
nell'immagine, un bell'esempio di come potevano essere decorati i vessilli: sotto all'aquila 
si riconoscono una corona turrita ed una phalera con volto; a fianco un vessillo. 
Seconda metà del I secolo d.C.
signa supra stelas07
(Cortesia Musei Capitolini - Roma-IT)

Vessilli e insegne di varia tipologia tra i numerosi esempi presenti sulla colonna traiana.
signa supra stelas08                    signa supra stelas09
signa supra stelas10signa supra stelas11
signa supra stelas12
(Cortesia Museo della Civiltà Romana - Roma-IT)

Rilievi lapidei dal monumento denominato Tropaeum Traiani di Adamclissi (Romania), le cui raffigurazioni,
molto lontane dallo stile classico dei monumenti dell'epoca, denunciano una produzione locale,
secondo alcuni ad opera degli stessi soldati.
In queste metope sono ben raffigurati dei vessilliferi e un signifero.
signa supra stelas18s

Frammento di rilievo con aquila e insegna, databile alla seconda metà del II secolo d.C.
signa supra stelas13s
(Museo Nazionale Romano-Palazzo Altemps - Roma)

Rilievo con lunga sequenza di oggetti pertineti ad una insegna militare: vessillo, aquila, figure, corona turrita.

signa supra stelas14s 
signa supra stelas15s signa supra stelas16s signa supra stelas17s
(Foto©Governatorato SCV – Direzione dei Musei. Tutti i diritti riservati)

Capitello corinzio sotto al quale compare un'aquila legionaria (?) circondata da fasce di stoffa con pendagli a cuore;
sotto l'aquila, sull'asta, due dischi (phalerae?). 
signa supra stelas23ssigna supra stelas24s
(Cortesia Civici Musei d'Arte e Storia - Brescia–IT)


Non da un rilievo lapideo, ma un affresco, questa interessante riproduzione di signa militari databili al IV secolo d.C.;
da Villa del Casale, Piazza Armerina (EN).
signa supra stelas19s
(Cortesia Parco archeologico della Villa romana del Casale-Piazza Armerina-IT)

Vessillo della Cohors XX Palmyrenorum sagittariorum equitata sull'affresco detto di Julius Terentius
dalla cittadina di Dura Europos (Tal al Hariri-Siria), e databile circa al 239 d.C.

signa supra stelas22s
(Cortesia e Copyright © - The Yale University Art Gallery-U.S.A.)

Miniatura di signum, in bronzo, con phalera, luna crescente e mano tesa.
Databile al II-III secolo d.C., altezza cm 5,2.
signa supra stelas20s
(Cortesia Hermann Historica, International Auctioneers – Munich-D)

Frammento di statuetta di bronzo originalmente raffigurante un signifero.
Il vessilo superstite riporta le frange, phalerae e la mano tesa.
signa supra stelas21s
(Cortesia Vindonissa Museum - Brugg-CH)


Copyright © 2005-2016. Estrela s.a.s. - All Rights Reserved.