HISTORIA MILITARIS ROMAE    

LEGIONES SUPRA NUMMOS

Nella sterminata produzione numismatica romana una parte numericamente interessante riguarda l'argomento militare; la moneta talvolta costituisce, al pari di documenti lapidei e steli, l'unica testimonianza tramandataci, in questo caso per risalire a stanziamenti delle varie legioni in determinate zone o ai simboli utilizzati dai vari reparti.
Di seguito alcuni esempi di monete dedicate a varie legioni dell’esercito romano, con motivazioni legate a battaglie, insediamenti di veterani, sedi, compiti assolti o per motivi a noi sconosciuti.
Fanno eccezione in questa pagina le emissioni operate da Marco Antonio per Actium (32-31 a.C.), Settimio Severo, Gallieno, che sono presentate in apposite pagine e quelle dedicate ad altri reparti.

Marco Antonio e Lucio Pinario (Marcus Antonius et Lucius Pinarius Scarpus) – (Cyrenaica, Cirene – 32 a.C. – denario).
Testa di Giove Ammone e scritta M·ANTO·COS·III·IMP·IIII; al retro aquila legionaria tra due insegne e la scritta SCARPVS IMP LEG VIII.
Lucio Pinario, comandante di quattro legioni (tra cui la Legio VIII) di Marco Antonio in Cirenaica, dopo la sconfitta di quest’ultimo ad Azio, si schierò con Ottaviano.
legio supra nummi01s

Augusto (Gaius Iulius Caesar “Octavianus” Augustus) – (Lusitania, Emerita Augusta - dopo il 25 a.C. - semisse).
Testa laureata di Augusto e scritta PERM CAES AVG; al retro aquila legionaria tra due insegne e le
scritte CO A E LE[G] V X, dove V e X sono da intendersi come i numeri delle legioni (Legio V Alaude e Legio X Gemina)
i cui veterani vennero insediati a Emerita Augusta (Merida).
legio supra nummi02s

Tiberio (Tiberius Iulius Caesar Augustus) - (Hispania, Caesaraugusta – 14-36 d.C. - dupondio).
Testa di Tiberio e scritta (TI) CAESAR DIVI AVG F AVGVSTVS PONT MAX TR POT XXXIII;
al retro due insegne rotonde (!) un vessillo, e le scritte LEG IV LEG VI LEG X CCA (L VETTIACVS) M CATO II VIR.
Tre dunque le legioni (IV, VI e X) insediate a Caesaraugusta (Saragozza).
legio supra nummi03s

Tiberio (Tiberius Iulius Caesar Augustus) - (Hispania, Acci – 14-36 d.C. - asse). Testa di Tiberio e scritta
TI CAESAR DIVI AVG F AVGVSTVS; al retro due aquile legionarie affrontanti, ai lati due insegne e le
scritte L I II (riferite alle legioni I e II) C I G A CC I.
legio supra nummi04s

Claudio (Tiberius Claudius Caesar Augustus Germanicus) – (Phoenicia, Berytus 41-54 d.C. - assarion).
Testa di Claudio e la scritta TI CLLVD CLISLR; al retro due aquile legionarie, signa e i numeri
V e VIII riferite alle legioni i cui veterani si insediarono a Berytus (Beirut).
legio supra nummi05s

Claudio (Tiberius Claudius Caesar Augustus Germanicus) – (Achaea, Patras 41-54 d.C. – assarion?).
Testa di Claudio e la scritta TI CLAVDIVS CAESAR AVG GERM; al retro un’aquila legionaria,
due insegne e la scritta COL A A PATR X XII dove i numeri X e XII sono riferiti alle legioni i cui
veterani si insediarono a Berytus (Beirut).
legio supra nummi06s

Nerone (Nero Claudius Caesar Augustus Germanicus) – (Syria Phoenicia, Ptolemaida – 66-67 d.C.?) –
Testa dell’imperatore con un lituo (esistono anche versioni con stella e luna crescente); al retro un
togato con due buoi che arano, dietro quattro vessilli (in alcuni esemplari inscritti con i numeri
legionari III, VI, X, XI) e la scritta DIVOS CLA COL C CS.
La moneta commemora l’insediamento dei veterani sotto l’imperatore Claudio; il retro lo ritroviamo in una moneta
di Adriano con la scritta DIVOS CLAV COL PT OL (Colonia Ptolemais).
legio supra nummi07s

Giulio Civile (Gaius Julius Civilis) – (Germania – 69-70 d,C. - denario). Coniata durante la rivolta dei Batavi,
questa moneta presenta sul davanti la testa elmata di Marte con scritta ADSER TOR LIBERTATIS, e al
retro la Vittoria che pone con la sinistra un elmo su un trofeo, e nel contorno la scritta LEGION XV PRIMIG(enia),
legione che fu sconfitta ai Castra Vetera (Germania) dagli insorti Batavi guidati da Giulio Civile;
la moneta rappresenta dunque la vittoria dei ribelli contro questo reparto.
A seguito di quella sconfitta la Legio XV Primigenia non fu ricostituita.
legio supra nummi08s

L. Clodius Macer, propretore in Africa (Africa, Carthago? Primavera 68 d.C. - denario). Busto della Vittoria
e la scritta CLODI MACRI SC; al retro la scritta LIB AVG, aquila legionaria tra due stendardi e sotto, LEG III.
Una versione riporta sul davanti la testa di un leone.
Ribellatosi al potere centrale, dopo il suicidio di Nerone e la salita al soglio imperiale di Galba,
venne fatto uccidere da quest’ultimo.
legio supra nummi09s
legio supra nummi10s

L. Clodius Macer, propretore in Africa (Africa, Carthago? Primavera 68 d.C. - denario).
Figura della Libertà e la scritta L CLODI MAC-RI, S C; al retro la scritta MAC-RIANA LI-B LEG I,
aquila legionaria tra due stendardi. 
legio supra nummi11s

Domiziano (Titus Flavius Domitianus) –
(Syria Phoenicia, Sebaste o Palaestina, Aelia Capitolina – 81-82 d.C. o 132-135 d.C.).
Contromarche apposta dalla Legio X Fretensis su moneta sconosciuta: sul davanti testa maschile e ovale con scritta LXF;
al retro contromarche con scritta L•X•F con figura di cinghiale e delfino (?) e sotto contromarca con nave.
legio supra nummi12s

Traiano (Marcus Ulpius Nerva Traianus) – (Phoenicia, Berytus - 98-117 d.C. - assarion).
Due monete che celebrano la colonia di Berytus (Beirut) e l’insediamento dei veterani delle legioni V e VIII.
La prima riporta la testa di Augusto e la scritta DIVVS – AVGVSTVS; al retro due aquile legionarie affrontanti,
dietro di loro due insegne e la scritta COL V BER VIII.
La seconda moneta, su dritto riporta la testa di Tiberio e la scritta [IMP] CAES AVG [TRAIANO];
al retro due aquile legionarie affrontanti, dietro di loro due insegne e la scritta COL BER V VIII.
legio supra nummi13s
legio supra nummi14s

Adriano (Publius Aelius Traianus Hadrianus) – (Syria Phoenicia, Ptolemaida - 117-138 d.C. - díchalkon).
Busto dell’imperatore laureato e la scritta IMP TRA HADRIANO CAESAR; al retro Claudio,
come pontefice, con buoi, ara il pomerium; sullo sfondo quattro vessilli, ciascuno inscritto con un numero
legionario (III, VI, X, XI) e la scritta DIVOS CLAV COL PT OL (Colonia Ptolemais).
legio supra nummi15s

Antonino Pio (Titus Aurelius Fulvus Boionius Arrius Antoninus Pius) – (Arabia, Bostra – 138-161 d.C.).
Testa dell’imperatore; al retro busto di Zeus e la scritta LEG III CYR;
la Legio III Cyrenaica aveva la propria base a Bostra.
legio supra nummi16s

Marco Aurelio (Marcus Aurelius Antoninus Augustus) e Lucio Vero (Lucius Ceionius Commodus Verus) –
(Roma - 165-166 d.C. – denario).
Galea in navigazione e scritta ANTONINVS AVGVR III VIR R P C (Rei Publicæ Constituandæ).
Al retro la scritta ANTONINVS ET VERVS AVG REST LEG VI (… restitutorum Legionis sextum) e insegne
militari in posizioni diverse.
Queste monete dedicate alla Legio VI Ferrata sono probabilmente giustificate dal ruolo di questo reparto
nella campagna partica, coincidente con l’anniversario della battaglia di Actium, delle cui monete di
Marco Antonio questa emissione riprende i disegni; altra possibile spiegazione (che non esclude le altre)
è che la Legio VI Ferrata fu la prima legione, dopo la battaglia di Actium, ad essere trasferita in Syria e Palestina.
legio supra nummi17s
legio supra nummi18s
legio supra nummi19s

Giulia Domna (Iulia Domna) – (Syria Phoenicia, Tyrus – 193-217 d.C.).
Busto dell’imperatrice; al retro scena di aratura e il vessillo della Legio III Gallica (LEG III GAL). 
legio supra nummi20s

Geta (Publius Septimius Geta) - (Syria Phoenicia, Tyrus – 198-209 d.C.).
Busto del Cesare e la scritta P SЄP GЄTA CAЄSAR; al retro aquila con vessillo inscritto LEG III GAL e
scritta SЄPTV RV SMЄTROP COLONI.
legio supra nummi21s

Caracalla (Marcus Aurelius Severus Antoninus Pius Augustus) – (Syria Phoenicia, Tyrus – 198-217 d.C.).
Testa dell’imperatore; al retro scena di aratura e il vessillo della Legio III Gallica (LEG III GAL),
e scritta intorno [SEP]TIM TVR[O C]OLO[N].
legio supra nummi22s

Sempre coniate a Tyrus, altre due monete, sempre con il riferimento alla Legio III Gallica, databili al 213-217 d.C.
La prima con al retro l’aquila ad ali spiegate su ramo di palma e corona nel becco, conchiglia di murex e vessillo;
la seconda con toro, conchiglia di murex e vessillo con scritta LEG III GAL.
legio supra nummi23s
legio supra nummi24s

Macrino (Marcus Opellius Macrinus) – (Syria Phoenicia, Tyrus – 217-218 d.C.).
Testa dell’imperatore; al retro scena di aratura e il vessillo della Legio III Gallica (LEG III GAL),
e scritta intorno [SEP]TIM TVR[O C]OLO[N]. Moneta con il retro uguale ad una medesima moneta di Caracalla.
legio supra nummi25s

Eliogabalo o Elagabalo (Marcus Aurelius Antoninus Augustus - Heliogabalus o Elagabalus) -
(Judaea, Aelia Capitolina - 218-222 d.C.).
Busto dell’imperatore e scritta [IM] C M A ANTONIN; al retro la dea della città tiene nella mano sinistra lo
scettro e nella mano destra uno stendardo sormontato da un'aquila legionaria, con una ghirlanda nel becco;
a destra, un secondo stendardo sormontato da cinghiale, simbolo della Legio X Fretensis, reparto di stanza
ad Aelia Capitolina (Gerusalemme). 
legio supra nummi26s

Eliogabalo o Elagabalo (Marcus Aurelius Antoninus Augustus - Heliogabalus o Elagabalus) -
(Syria Phoenicia, Tyrus – 218-222 d.C.).
Busto dell’imperatore e scritta IMP CAES M AV ANTONINVS AVG; al retro due buoi aggiogati con dietro
il vessillo inscritto con LEG III GAL; in basso una conchiglia di murex e intorno scritta SEPTIM TVRO COLO.
L’imperatore dovette la sua ascesa al potere grazie a questa legione.
legio supra nummi27s

Gordiano III (Marcus Antonius Gordianus Pius) – (Mesopotamia, Singara - 238-244 d.C. - sesterzio).
Busto dell’imperatore; al retro un centauro nell’atto di scoccare una freccia e dietro un vessillo con la scritta ΛЄ Γ.
La città di Singara era la base della Legio I Parthica, il cui simbolo era appunto un centauro (sagittario).
legio supra nummi28s

Come la precedente ma sul retro il busto della Tyche con, sopra la corona,
il centauro (sagittario) della Legio I Parthica.
legio supra nummi29s

Serie di monete coniate a Viminacium (Moesia Superior), dedicate alle legioni VII Claudia e IV Flavia,
che presentano interessanti varianti.
Gordiano III (Marcus Antonius Gordianus Pius) – (Moesia Superior, Viminacium - 238-244 d.C.).
Busto dell’imperatore e la scritta IMP GORDIANVS PIVS FEL AVG; al retro la personificazione della
Moesia con due vessilli sovrastati da un toro e da un leone simboli rispettivamente della Legio VII Claudia
e della Legio IV Flavia e la scritta (P) MS C - OL VIM - AN IIII.
legio supra nummi30s

Come la precedente, ma al retro la personificazione della Moesia con due vessilli con le scritte VII e IIII
(Legio VII Claudia e Legio IV Flavia) i cui simboli, toro e leone, sono raffigurati ai piedi della Moesia;
sopra ai vessilli i busti di Gordiano III e di Tranquillina (Furia Sabinia Tranquillina), moglie dell'imperatore. 
legio supra nummi31s

Come le precedenti (databile al 239-240 d.C.) ma la Moesia senza vessilli e con solo il toro e il leone ai
suoi piedi che, come già visto, sono i simboli della Legio VII Claudia e della Legio IV Flavia, e a queste
si riferiscono, senza ombra di dubbio, per una moneta coniata in questa città.
legio supra nummi32s

Come le precedenti (databile al 242-243 d.C.), al retro
troviamo la personificazione della Moesia con due vessilli con le scritte VII e IIII riferiti alla Legio VII Claudia
e della Legio IV Flavia i cui simboli, toro e leone, sono raffigurati ai suoi piedi.
legio supra nummi33s

Gordiano III (Marcus Antonius Gordianus Pius) – (Moesia Superior, Viminacium - 238-244 d.C.).
Busto dell’imperatore; a differenza delle precedenti, al retro non la Moesia ma l’imperatore con patera e lancia
mentre sacrifica davanti ad un altare e ai lati due vessilli sopra ai quali compaiono le protomi del toro e del leone,
simboli della Legio VII Claudia e della Legio IV Flavia.
legio supra nummi61s

Filippo l’Arabo (Marcus Iulius Philippus Augustus - Philippus Arabs) –
(Moesia Superior, Viminacium - 238-244 d.C.).
Moneta i cui tipi abbiamo già visto sopra a nome di Gordiano III, in questo caso con busto di Filippo l’Arabo
e al retro la personificazione della Moesia senza vessilli e con solo il toro e il leone ai suoi piedi che,
come assodato, sono i simboli della Legio VII Claudia e della Legio IV Flavia, e a queste si riferiscono,
senza ombra di dubbio, per una moneta coniata in questa città.
legio supra nummi34s

Otacilia Severa (Marcia Otacilia Severa) –
(Moesia Superior, Viminacium o Dacia, Sarmizegetusa - 244-248 d.C.).
Busto dell’imperatrice e la scritta MARCIA OTACILIA SEVERA AVG; al retro la personificazione
della Dacia tiene due vessilli con le scritte V e XIII, riferite alle Legioni V Macedonica e XIII Gemina,
e ai suoi piedi un’aquila ed un leone, simboli delle due legioni.
legio supra nummi35s

Come la precedente (databile al 247-248 d.C.) ma emessa a nome di Filippo l’Arabo
(con scritta sul davanti IMP M IVL PHILIPPVS AVG) in Dacia.
legio supra nummi36s

Come la precedente ma con la personificazione della Dacia, seduta su uno sgabello.
legio supra nummi37s

Filippo l’Arabo (Marcus Iulius Philippus Augustus - Philippus Arabs) –
(Syria Coele-Commagene, Samosata - 244-249 d.C.).
Busto dell’imperatore; al retro la Tyche, seduta, e sotto di lei Pegaso, simbolo della
Legio XVI Flavia Firma, di base a Samosata.
legio supra nummi38s

Filippo l’Arabo (Marcus Iulius Philippus Augustus - Philippus Arabs) –
(Syria Coele-Commagene, Zeugma - 244-249 d.C.).
Busto dell’imperatore e la scritta AYTOK K M IOYΛI ΦIΛIΠΠOC CEB; al retro un tempio tetrastilo con statua
di Zeus, scritta ZεYΓM - ATεΩN, e sotto un capricorno, simbolo della Legio IV Scythica, di base a Zeugma.
Di questa moneta esiste anche la versione a nome di Otacilia Severa.
legio supra nummi39s

Filippo II (Marcus Iulius Severus Philippus) – (Moesia Superior, Viminacium – 247-249 d.C.).
Busto del Cesare e la scritta M IVL PHILIPPVS CAES; al retro la personificazione della Dacia
con spada (falcata) e vessillo, ai suoi piedi un’aquila e un leone (simboli della Legio V e della Legio XIII)
e la scritta PROVINCIA DACIA AN I.
legio supra nummi40s

Traiano Decio (Gaius Messius Quintus (Lucius?) Traianus Decius (Valerianus?)) –
(Judaea, Caesarea Maritima – 249-251 d.C.).
Busto dell’imperatore e scritta IMP C C MES Q TRA DECIVS AVG; al retro vessillo con scritta L III GAL
(Legio III Gallica) tra due aquile e scritta COL P F AVG F C CAES METR.
legio supra nummi41s

Traiano Decio (Gaius Messius Quintus (Lucius?) Traianus Decius (Valerianus?)) –
(Mesopotamia, Rhesaena – 249-251 d.C.).
Busto dell’imperatore; al retro vessillo con la scritta L III P (Legio III Parthica), sormontato da un’aquila.
legio supra nummi42s

Altre due monete (tetrassarion), sempre a nome di Traiano Decio coniate a Rhesaena nel 249-251 d.C.
e dedicate alla Legio III Parthica, riportano al retro, la prima un tempio con all’interno un’aquila, il
dio fluviale Chaboras e due palme (scritta ϹЄΠ ΡΗϹΑΙΝΗϹΙωΝ L III P) e la seconda la Dea della città con patera,
altare, cornucopia e aquila (scritta ϹƐΠ ΚΟΛ ΡΗϹΑΙΝΗϹΙωΝ L III P).
legio supra nummi43s
legio supra nummi44s

Erennia Etruscilla (Annia Cupressenia Herennia Etruscilla) –
(Mesopotamia, Rhesaena – 249-251 d.C.).
Altre due monete dedicate alla Legio III Parthica.
Busto dell’imperatrice; al retro nella prima moneta scena di aratura, aquila e scritta ϹЄΠ ΚΟΛ ΡΗϹΑΙΝΗϹΙωΝ L III P;
nella seconda Tyche seduta, sopra un’aquila con corona nel becco, sotto il dio Chaboras
e scritta C∈Π ΡΗC-ΑΙΝΗCΙωΝ L III P.
legio supra nummi45s
legio supra nummi46s

Erennio Etrusco (Quintus Herennius Etruscus Messius Decius) – (Moesia Superior, Viminacium - 249-251 d.C.).
Moneta i cui tipi abbiamo già visto sopra a nome di Gordiano III e Filippo l’Arabo.
Al retro la personificazione della Moesia senza vessilli e con solo il toro e il leone ai suoi piedi che,
come assodato, sono i simboli della Legio VII Claudia e della Legio IV Flavia, e a queste si riferiscono,
senza ombra di dubbio, per una moneta coniata in questa città.
legio supra nummi47s

Erennio Etrusco (Quintus Herennius Etruscus Messius Decius) – (Palaestina, Aelia Capitolina – 250-251 d.C.).
Busto del Cesare e la scritta C H Q DECIVS E[TRVSCVS AVG]; al retro aquila legionaria sopra il dorso di un
cinghiale e sopra un vessillo con la scritta LXF (Legio X Fretensis) e la scritta COL AEL - K [AP…].
legio supra nummi48s

Treboniano Gallo (Gaius Vibius Trebonianus Gallus) – (Moesia Superior, Viminacium – 251 d.C.).
Busto dell’imperatore e la scritta IMP C VIBIO TREBON GALLO AVG; al retro la personificazione della Moesia
con due vessilli con le scritte VII e IIII riferiti alla Legio VII Claudia e della Legio IV Flavia i cui simboli,
toro e leone, sono raffigurati ai piedi della Moesia e la scritta P M S COL VIM AN XII.
Moneta che richiama i tipi visti più volte, precedentemente.
legio supra nummi49s

Emiliano (Marcus Aemilius Aemilianus) – (Moesia Superior, Viminacium - 249-251 d.C.).
Moneta i cui tipi abbiamo già visto sopra a nome di Gordiano III, Filippo l’Arabo, Erennio Etrusco.
Al retro la personificazione della Moesia senza vessilli e con solo il toro e il leone ai suoi piedi che,
come assodato, sono i simboli della Legio VII Claudia e della Legio IV Flavia, e a queste si riferiscono,
senza ombra di dubbio, per una moneta coniata in questa città.
legio supra nummi50s

Carino (Marcus Aurelius Carinus) - (Aegyptus, Alexandria – 284-285 d.C. – tetradracma).
Busto dell’imperatore; al retro aquila con corona nel becco e scritta ΛEΓ B TPAI ad indicare la
Legio II Traiana Fortis di base in Aegyptus.
legio supra nummi51s

Vittorino (Marcus Piavvonius Victorinus) – (Germania Inferior, Colonia – 271 d.C. – aureo).
Testa dell’imperatore/usurpatore e la scritta IMP VICTORINVS P F AVG; al retro il toro, simbolo della
Legio III Gallica, e la scritta LEG III GALLICA P F.
legio supra nummi62s

Come la precedente, ma al retro Giove con scettro e fulmine,
il capricorno, simbolo della Legio XXX Ulpia, e la scritta LEG XXX VLP VICT P F.
legio supra nummi52s

Carausio (Marcus Aurelius Maus(aeus?) Carausius) –
(Britannia, Londinium – 286-293 d.C. – antoniniano)
Seria di monete (di scarsa qualità) dedicate alle legioni fedeli all’usurpatore Carausio, o loro
vessillazioni presenti in Britannia o in Gallia.
Testa dell’imperatore/usurpatore e scritta IMP CARAVSIVS P F AVG; al retro, in ordine di numerazione,
Legio I Minervia ([LEG] I MIN) e il simbolo dell'ariete,
legio supra nummi53s
legio supra nummi54s

Legio II Augusta (LEG II AVG) e il simbolo del capricorno,
legio supra nummi55s

Legio II Parthica (LEG II PARTH) e il simbolo del centauro con timone (forse per una vexillatio imbarcata),
legio supra nummi56s

Legio IV Flavia (LEG IIII FL) e il simbolo del leone,
legio supra nummi57s

Legio VII Claudia (LEG VII CLA) e il simbolo del toro,
legio supra nummi58s

Legio VIII Augusta (LEG VIII AVG) e il simbolo del toro,
legio supra nummi59s

Legio XXX Ulpia (LEG XXX [VLPIA]) e il simbolo di Nettuno.
legio supra nummi60s
Al retro tutte le monete riportano le lettere M o ML.

Copyright © 2005-2021. Estrela Fiere - All Rights Reserved.

Usiamo i cookie per migliorare il nostro sito web e la tua esperienza di utilizzo. I cookie necessari per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati. Per saperne di più riguardo ai cookies che utilizziamo e capire come cancellarli, consulta la nostra privacy policy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information