HISTORIA MILITARIS ROMAE    

SIGNA

Le molte e varie insegne (signa) militari romane, sono oggetto da sempre di studi e tentativi di interpretazioni.
Oltre all’aquila, simbolo di ogni singola legione e oggetto di venerazione da parte dei soldati, esistevano numerose altre insegne militari, quali il vexillum di stoffa, il signum, l’imago, il draco, il simbolo totemico di ogni legione (cosa ben diversa dall'aquila) e di altri reparti di fanteria e cavalleria.
Difficilissimo racchiudere in moderne categorie standardizzate le varie tipologie di insegne e, praticamente impossibile soprattutto, cogliere i significati di molte simbologie, significati a noi in gran parte sconosciuti o fumosi, e che si sono accumulati e sono variati nei secoli.
Le insegne, oltre che un significato di appartenenza al reparto (come ancora oggi con labari e bandiere), è probabile che -almeno alcune di esse- avessero anche un significato pratico in battaglia, al fine di indirizzare e segnalare ai soldati cosa fare e dove dirigersi nella concitazione dello scontro armato.
Altra funzione poco considerata era quella probabilmente di segnalare, all’interno di un castrum, la posizione della propria centuria o del proprio manipolo.
Sulla Colonna Traiana sono numerosi gli esempi di insegne militari, sulla cui fedeltà riproduttiva non ci sentiamo di sbilanciarci troppo, dato che molti particolari non sono chiari.
L’aquila e le insegne di una legione o di altri reparti erano conservate in un apposito recinto del castrum, denominata sacellum.
Alcune di queste aste risultano prevalentemente arricchite da soli dischi, altre da tutta una serie di vari elementi: oltre ai già ricordati dischi (phalerae), corone di alloro, corone turrite, aquile contornate di corona, cupole frangiate, lune crescenti, tabelle inscritte, dischi con volti
(divinità o imperatori).

Alcuni dei reperti archeologici più interessanti del Vallo di Antonino sono le cosiddette
"lastre di distanza" (distance slabs) in arenaria, fatte dai legionari per registrare i loro progressi nella costruzione del muro; nella foto sotto abbiamo una significativa rappresentazione dei signa; notiamo infatti al centro un aquilifero che pianta a terra il bastone che sostiene l'aquila legionaria, mentre la Vittoria porge al becco dell'aquila una corona d'alloro; completano la lastra due prigionieri, il cinghiale simbolo della Legio XX Valeria Victrix e le scritte
IMP C̣ T AE ‣ HADRI ANO ANTO NINO AVG ‣ PIO ‣ P ‣ P VEX ‣
LEG XX ‣ V ‣ V ‣ FEC P ‣ P ‣ III.
Da Hutcheson Hill (Scozia).
signa home1s
(Cortesia Hunterian Museum - University of Glasgow - Glasgow-GB)

Particolare dai rilievi della Colonna Traiana: signiferi ascoltano il discorso formale alle truppe (adlocutio) dell'imperatore Traiano.
signa home2s
(Cortesia Museo della Civiltà Romana - Roma-IT)

 

 

 

 

signa aquila
Aquila

signa signa
Signum

signa animalium
Signa - Animalium

signa vexilli
Vexillum

signa imaginis
Imago

signa draconis
Draco

signa aquiliferi
Aquiliferi et Signiferi - Imaginis

signa supra nummi I
Signa supra nummos I

signa supra nummi II
Signa supra nummos II

signa supra nummi III
Signa supra nummos III

signa imperatoria
Signa imperatoria

Copyright © 2005-2020. Estrela Fiere - All Rights Reserved.

Usiamo i cookie per migliorare il nostro sito web e la tua esperienza di utilizzo. I cookie necessari per il funzionamento essenziale di questo sito sono già stati impostati. Per saperne di più riguardo ai cookies che utilizziamo e capire come cancellarli, consulta la nostra privacy policy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information